Argonautiche Penta

Le Argonautiche di San Chirico Raparo

Lo cantano i poeti di un tempo come fu Argo a costruire una nave con i consigli di Atena: ora invece io voglio narrare il nome e la stirpe degli eroi e i lunghi viaggi marini e le gesta compiute errando. Le Muse siano ministre del canto

Ma come si fa a narrare le gesta di eroi che superano una serie infinita di difficoltà alla ricerca del vello d’oro?

E’ davvero un’impresa ardua soprattutto se in poche righe si vuole trasmettere la magnificenza compiuta a San Chirico Raparo con l’esperienza della Non-Scuola in un percorso durato un intero e lungo inverno per poi sbocciare in primavera. E credetemi, gli inverni sono davvero lunghi in paesini arroccati di mille anime! Ma quello di due anni fa è volato in un attimo grazie ad un progetto di teatro sociale avviato in Ottobre e messo in scena per la prima volta nell’Aprile successivo. I minori stranieri non accompagnati, ospiti della Comunità “L’Isola che non c’è” , insieme agli adolescenti di San Chirico Raparo e Matera, condividendo danze e poesie, lasciando parlare il corpo e le emozioni, assaporando ogni prelibatezza scaturita dall’incontro con il poema epico di Apollonio Rodio, rivisitato e vissuto “a cuore aperto”, hanno finito per trasformare i luoghi sanchirichesi in cui è approdata la nave Argo in un vero e proprio teatro all’aperto, affrontando viaggi pericolosi quanto quelli di Giasone… o forse anche di piu’!

E’ stata un’esperienza che ha raccontato tanto e ha ancora tanto da raccontare se si pensa che l’intero percorso, magistralmente racchiuso nel documentario “Argonauti” di Alessandro Penta, continua ad essere proiettato nei principali Film Festival. E’ stato un progetto che ha messo a nudo le emozioni e i vissuti di ognuno, arricchendoli nella condivisione e trasformandoli con la magia del teatro sociale e di comunità. Anche l’équipe della comunità “L’isola che non c’è”, trascinata dall’entusiasmo dei ragazzi e dalla forza travolgente della “Non Scuola” del Teatro delle Albe e delle sue guide, ha finito col fare un’esperienza indimenticabile aiutando gli argonauti nelle diverse fasi, dalla ripetizione del copione all’allestimento scenografico! Il viaggio è stato turbolento, con alte e basse maree ma è stato davvero bello salpare sulla solida nave Argo e approdare all’incontro con il pubblico. Ci siamo messi in viaggio tutti insieme contribuendo alla costruzione di processi di inclusione sociale e alla messa in scena di una felicità dalle mille sfaccettature poiché ognuno, alla fine, ha trovato il suo vello d’oro. L’operatore. Il minore straniero non accompagnato. L’anziano. L’adolescente.

Breve rassegna stampa:

Integrazione, “Gli argonauti” in scena a San Chirico Raparo – Regione Basilicata

Tre Soldi – puntate – Rai Radio 3 – RaiPlay Radio – Rai

Argonauti – video – UNHCR – #WithRefugees – UNHCR

Argonauti – Festival #nessunorestifuori – nessunorestifuori.it

Integrazione, Gli argonauti in scena a San Chirico Raparo – libero.it

Tuttùn la non-scuola a San Chirico Raparo – Centro IAC

Argonauti | Alessandro Penta – Alessandro Penta

 

 

 


LASCIA UN COMMENTO

Antonella Dorrio

Mi occupo di processi di integrazione e formazione scolastica dei minori stranieri non accompagnati. Fare rete sociale è la mia missione! Seguo il monitoraggio, il controllo e la valutazione dei percorsi individuali definiti nei P.E.I.

Post recenti

Arte e integrazione sociale: i casi della Silent University Ruhr e della Silent Academy

Con lo SPRAR a scuola di italiano al Musma

Le Argonautiche di San Chirico Raparo

Il Bello dell’Italia passa dal Sicomoro

Agli anziani del Brancaccio il primo saluto della Madonna di Viggiano a Matera

Instagram